La Perversione del Mito

 historia

Una mostra forte: Superanturalis Historia può lasciarci inorriditi, estasiati, perturbati. Sicuramente non impassibili.

Pensata specificamente per gli spazi espositivi del PAN, dopo un attento studio a 4 occhi dell’artista Maurizio Elettrico e del curatore Eugenio Viola.

“ Abbiamo realizzato un miracolo”. Le sale del palazzo artistico del cuore della Napoli-bene, si prestano , con non poche difficoltà, a modulare un’esposizione che diventa un racconto sinestetico.

Irriverente, blasfema, provocatoria, ci catapulta in una dimensione dove mito, eros, fantasy convivono.

Sin dall’ingresso avremo come l’impressione di percorrere due binari: naturale e artificiale, tanto diversi, quanto accostabili. Le logiche di questi due mondi contaminandosi, paiono arricchirsi fino a creare un nuovo linguaggio.

In questa Super Storia per immagini la Natura è Divina, il Potere Bioaristocratico.

Canovaccio della mostra è la saga epico-erotica “Lo Scoiattolo e il Graal”, di cui è autore lo stesso Elettrico. Anche chi non ha letto il testo, ne riconosce facilmente i personaggi cardine. Disegni ambigui vengono incontro ai visitatori, il pavimento è ricoperto di sali, pietre, terreno, farfalle imbalsamate si alternano a zucche di resina e melograni, l’arancio è il colore predominante.

Attraverso una pluralità di media, le sette opere in mostra, tante quante i volumi cui sono ispirate, tra dipinti, sculture, disegni, installazioni e tableaux vivants, ci restituiscono una mitologia perversa, popolata da personaggi autocelebrativi sostenuti da religioni debordanti fanatismo e intolleranza.

Presente e passato si fondono, basti pensare che il titolo della mostra trae origine da Plinio Il Vecchio ed il suo Naturalis Historia (77-78 d.C.). Stimoli diversi convergono in un immaginario ludico e seducente.

Un sensualissimo Cervandro ci guarda con occhi di ghiaccio ed efebica bellezza. Lo ritroviamo in posa in uno scatto ambientato, non a caso, nell’atrio della Fondazione Morra, promotrice dell’esposizione.

La narrazione deborda di rimandi teologici, filosofici, araldici, esoterici ed alchemici..non evidenti a tutti.

L’artista descrive un mondo futuribile e a tratti atroce, abitato da guerre, amori, sesso, intrighi politici ed estremismi religiosi, in cui spesso i limiti umani e, più in generale, della natura, per effetto della magia o della scienza, sono ampiamente superati.

Un futuro iperumanista e distopico, in cui la Terra subisce il dominio di una nuova specie umana, frutto di raffinate manipolazioni genetiche: la “Bioaristocrazia”.

Ma cosa vuol dire? Quanta pretenziosità in una sola parola: l’artistocrazia bio ci mancava. Veloce il rimando –forse fuori pista- al biopotere, alla biopolitica di Foucaultiana memoria : ovvero quella capacità dei dispositivi di potere di inglobare e controllare i processi della vita, corporalità inclusa.

In realtà,la bioaristocrazia qui equivale piuttosto ad una vocazione artistico-demiurgica. Data la sua “divina natura”, il Bioaristocratico regna sulle due specie umane abitanti la Terra: i “Naturali”, del tutto simili agli uomini attuali, ed i “Selvatici”, di aspetto umano ma dall’intelligenza animale.

Le opere in mostra sono alternate ad un abbondante corredo di natura testuale che racchiude i primi tre volumi della saga, esposti a mo’ di installazione, per comporre un monumentale story board, un insieme potenzialmente infinito di meta-narrazioni.

Ci troviamo in una situazione che gli inglesi definirebbero “in between”. Natura e artificio, femminilità, virilità e bestialità. Un trionfo quasi rassicurante di frutta e natura colorata, un moderno Bacco, in grado di generare anche un eau de toilette, il cui packaging è a dir poco originale, visto che lo spruzzino proviene direttamente dal deretano. “Te lo faccio provare”, mi dice il curatore prendendomi il polso.

Il profumo addosso magari non lo volevo, ma mi accompagnerà per il resto della giornata. Non capita tutti i giorni di poter odorare di fragranza d’artista, no?

English Version:

The Perversion of Myth @ PAN Palazzo delle Arti

Annunci